L'oro e la bessa

3/5 (0/5) - 0
L'oro e la bessa
Indirizzo: Via Debernardi, 50, Frazione Vermogno, - Zubiena, Biella - Piemonte (Italia)
Telefono: 0152560708
Fax: non disponibile
E-mail: info@ecomuseo.it
Sito web:
Informazioni:
Il progetto Ecomuseo Valle Elvo e Serra propone un percorso di sviluppo locale basato sulla partecipazione diretta della popolazione alla tutela attiva del proprio patrimonio materiale e immateriale.
Nel Biellese occidentale, sul territorio definito geograficamente dal corso del torrente Elvo e dalla morena della Serra, le attività dell'Ecomuseo intrecciano la memoria degli abitanti a quella dei luoghi di cui sono artefici e testimoni. Fanno parte del progetto: LA FUCINA MORINO DI MONGRANDO , ECOMUSEO DELL'ORO E DELLA BESSA - Frazione Vermogno di Zubiena, Arte Organaria – Occhieppo Inferiore,  Santuario di graglia, La Civiltà Montanara - Frazione Bagneri di Muzzano, 
Lavorazione del ferro - Le  Officine di Netro. Il museo presenta le testimonianze di duemila anni di ininterrotta ricerca dell’oro nel Biellese e nell’Italia del Nord.               Alla visita seguono una passeggiata attraverso le aurifodine romane e la prova pratica di ricerca sul torrente; il tutto in compagnia dei  nostri esperti.    
Nella sala al piano terreno vengono  presentate le formazioni geologiche della Bessa e dell’oro, chiarendo la differenza tra oro nativo, in forma tridimensionale e legato al quarzo, e oro alluvionale, a forma di pagliuzza.  Vi si possono osservare anche le tecniche e gli strumenti originari per la ricerca aurifera, suddivisi secondo le aree di appartenenza: i cupun dell’Elvo, le gave dell’Orco, le trulle del Ticino, i banconi dell’Adda, piatti e scalette di diverse forme.    
Al piano superiore, nella sezione storica, vengono illustrati i  ritrovamenti,  le  tecniche di estrazione ed i principali siti archeologici della Bessa.   Il percorso continua attraverso il Medioevo e il Rinascimento, presentando diplomi di vari imperatori che concedevano lo sfruttamento dei fiumi a vescovi e nobili locali. Seguono modelli e illustrazioni sulla ricerca nei sec. XVII e XVIII e azioni societarie, foto d'epoca e indagini geologiche dei sec. XIX e XX.    
Nel seminterrato, l’ultima sezione contiene un centinaio di campionature aurifere estratte dai fiumi della pianura padana, oltre ad ambientazioni relative alle miniere d'oro nativo del Monte Rosa, alla macinazione e amalgama del minerale estratto e alla realizzazione degli attrezzi in legno per la ricerca sul torrente. 

Info: Per i programmi didattici per le scuole contattare info@ecomuseo.it